Home Blog La natura si è svegliata

La natura si è svegliata

Una passeggiatina verso le 11,oo con le mie bambine. Lo scopo è quello di comprare il pane, ma con la scusa ci sta una mezzoretta di svago dall’aria condizionata domestica. La piazza è bella come pochi giorni all’anno. Il bar all’angolo ha messo i tavoli e gli ombrelloni sulla piazza, accanto alla fontana, si ha l’impressione di stare in un centro turistico, un vero centro storico dedito ai turisti.

la natura si è svegliataUn paio di tavolini sono occupati da un gruppo di uomini e donne vestiti in maniera stravagante: acconciature, gonnelloni, trucco marcato, e ridono di gusto.

La fontana è spenta, l’acqua è immobile quindi si possono notare i pesciolini arancioni, il “lippo”, gli insetti morti, e i pezzi di pane e addirittura un paio di monete! Intorno 4-5 farfalle si posano a giro su tutti i fiorellini colorati che ci sono nelle aiuole che circondano la vasca. I fiori sono quelli arancioni, fucsia, rossi, quelli tanto carini ma puzzolenti da morire! Le mie figlie li raccolgono spesso, ma stamattina no: rispettano quei fiori perchè cibo per le farfalle. Poi le api fanno lo stesso percorso. Convivono pacifiche api e farfalle, e insieme anche le libellule…

Mia figlia dice: «Oggi la natura si è svegliata, mamma!».

Sto attenta che la piccola non scappi in mezzo alla strada, gli occhi mi vanno a mille per non farmela sfuggire. Mi cadono sull’immancabile sacco nero di spazzatura accanto all’aiuola, strappato sicuramente nella notte dai cani randagi. Tutto a un tratto mi fermo su un’immagine che riesco goffamente a immortalare.

Da quel gruppo di gente bizzarra un uomo invita una donna ad alzarsi e improvvisamente si mettono a ballare. Non ne capisco di passi di danza, ma mi sembra un tango. Intorno le bambine che rincorrono le farfalle, un ragazzo col cane al guinzaglio passa accanto ai danzatori senza degnarli di uno sguardo. Non c’è musica, non mugugnano nessuna melodia i due… Ballano sulle note delle macchine che passano, addirittura c’è il tipo che vende materassi che “abbannia” al suo solito.

Oggi la natura si è svegliata, io vado a comprare il pane come sempre. Ma Cinisi stamattina sembra spennellata di poesia…

Lascia un commento: