Home A favorire... “Conzala comu voi, sempri cucuzza è…”

“Conzala comu voi, sempri cucuzza è…”

Chissà perché i siciliani ce l’hanno tanto con le zucchine, non c’è un detto che ne parli in maniera positiva.

Si dice  “testa c’un parra si chiama cucuzza” (testa che non parla si chiama zucchina) per intendere una testa vuota (come la zucca che è vuota dentro); similmente una persona sciocca viene ribattezzata “cucuzzuni”, ma un detto che non capisco è: “…Conzala comu voi, sempri cucuzza è” (condiscila come preferisci, ma sempre zucchina rimane) per intendere qualcosa che è talmente insapore e inutile da non migliorare nemmeno con il massimo impegno, come se la zucchina fosse l’elemento più insipido e poco saporito a cui paragonare le peggiori banalità della vita.

Sarà per questo che ci si impegna così tanto per migliorare il gusto delle zucchine, smentendo quindi il precedente modo di dire? Tra fritture, impanature, ammollicamenti, agli e ogli, menta, agrodolce, etc… La zucchina diventa saporita eccome!

Le zucchine e tutti i suoi derivati sono molto usate a Palermo e provincia, le qualità che conosco sono: la “zucchina per friggere” (anche detta “napoletana”), la “genovese” dal colore verde scuro, la “zucca rossa”, la “zucca lunga” da bollire, e la bitorzoluta “zucca centenaria”. Poi ci sono anche i “ciuri i cucuzza” (fiori di zucca) da cucinare in vari modi, soprattutto in pastella e i “tinnirumi” (le foglie della zucchina lunga) che si cucinano a minestra con la pasta.

Ogni tipo di zucca o zucchina ha la sua ricetta, come la zucca rossa che a Palermo si cucina essenzialmente come “ficatu ri setti cannola” (fritta, con l’aglio e l’agro dolce, alla stessa maniera in cui nel quartiere dei Sette Cannoli cucinavano il fegato) o la zucchina lunga che si fa bollita e si mangia solo quando si ha il mal di pancia.

Qui mi occuperò della “zucchina per friggere”, che ovviamente si frigge (lo dice il nome stesso), anche se è buona pure “cotta dentro” (cotta in tegame).

La zucchina fritta si usa per condire la pasta: un semplice piatto di spaghetti conditi con olio, cacio cavallo grattugiato e rondelle di zucchina fritta.

Il gusto di questa varietà di zucchina è particolarmente dolce, gustoso e delicato, la consistenza è morbida. Ogni rondella deve essere fritta fino a diventare “incrastagnata” (un po’ scura, croccantino e stracotta). Con la pasta è buona, ma è anche perfetta per farcire un panino.

Ma ora andiamo alla pasta che è tra le più semplici che ci siano, l’unica “camurria” (seccatura) è solo la frittura della zucchina che fa schizzare l’olio caldo ovunque in modo particolare.


Ricetta

Ingredienti: zucchina per friggere, spaghetti, olio evo, caciocavallo grattugiato, sale pepe.

Preparazione: raschiare la buccia e affettare la zucchina a rondelle spesse mezzo centimetro circa. Friggerle in olio d’oliva bollente e metterle in un piatto coperto con carta assorbente.

Cuocere gli spaghetti, scolarli, condirli con olio d’oliva (possibilmente l’olio in cui sono state fritte le zucchine), impiattare, aggiungere le zucchine e spolverare con il formaggio grattugiato e pepe. Delle versioni più elaborate prevedono che la metà delle zucchine fritte vengano tagliate a pezzettini, fatte saltare in padella con uno spicchio d’aglio e qualche foglia di menta e l’olio (sempre quello di frittura), a questo condimento viene aggiunta la pasta che va ben mescolata per insaporirsi, dopo l’impiattamento le rimanenti zucchine fritte a rondelle verranno usate per decorare, al tutto va aggiunto sempre il cacio cavallo grattugiato.

Spaghetti con zucchina e formaggio
Spaghetti con zucchina e formaggio

1
Lascia un commento:

1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
luca messina

il detto” falla cumu vu sempri cucuzza è ”
non è riferito alla zucchina ma è un’espressiome utilizzata per dire che in ogni modo tu possa fare qualcosa alla fine andrà sempre in quel modo per esempio lo si dice alle ragazze perche o ti comporti bene o ti comporti male non sono mai soddifatte e allora si dice falla cumu vu sempri cucuzza è …cioè comportati come vuoi si incazzerà sempre