Home Cultura Fra tradizione e innovazione: i presepi di Terrasini

Fra tradizione e innovazione: i presepi di Terrasini

13 dicembre 2015. A Terrasini si respira già aria natalizia. E’ stata inaugurata la tradizionale mostra dei presepi che quest’anno è giunta alla quarta edizione. La mostra dal titolo “Intorno al presepe: idee, emozioni, sensazioni” a cura dell’ associazione “Così, per passione…!” è stata allestita presso l’Antiquaria – Palazzo Municipale e sarà possibile visitarla fino al 10 gennaio 2016.

Una perfetta sincronia fra tradizione e modernità è alla base della realizzazione dei presepi. Alcuni lavori riprendono le classiche ambientazioni mentre altri sperimentano personaggi, modalità, tecniche e materiali insoliti. Spiccano senza dubbio le figure realizzate in plastica, quelle con le candele, altre ancora con le pietre.

Fra le ambientazioni più varie si nota una barca all’interno della quale sono stati inseriti i protagonisti della Natività, un altro presepe in cui nell’antico paesaggio di Betlemme troviamo una modernissima ferrovia che porta immediatamente ad unire passato e presente. In un’altra realizzazione prendono posto alcuni personaggi inconsueti in fila verso la grotta che vogliono rendere universale e veramente alternativo il messaggio natalizio: Ernesto Che Guevara, Galileo Galilei fino ad arrivare ai personaggi più vicini al messaggio cristiano che hanno fatto la storia come Papa Giovanni Paolo II, San Francesco e Santa Chiara. Sorprende più di tutti per l’ambizioso progetto il presepe dell’artista Roberto D’Oca che ha rappresentato la nascita del Cristo servendosi di manichini ad altezza d’uomo rivestiti e minuziosamente decorati. Il tema che immediatamente emerge è la raffigurazione che D’Oca e i suoi collaboratori hanno voluto fare delle classi che costituivano il popolo al tempo del feudo dei La Grua Talamanca: i nobili e il ceto meno abbiente. Al centro della sala domina con grande impatto scenografico la riproduzione di Palazzo D’Aumale a cura di Nicola Marchese, anche questa con dovizia di particolari.

Fra le opere sono degne di nota anche le icone Mariane di Valeria Flaccovio e “La stella cometa” del pittore Pino Manzella. E’ significativa la partecipazione degli alunni dell’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII” di Terrasini che hanno proposto presepi con materiale riciclato.

La mostra è stata inaugurata dal Vescovo Mons. Michele Pennisi le cui parole sono state piuttosto incisive e dal parroco Don Renzo Cannella. Presente anche il Sindaco Massimo Cucinella che ha evidenziato l’importanza della collaborazione dei giovani che potranno apprendere e portare avanti la tradizione del presepe. Entusiasta della riuscita dell’iniziativa il Presidente dell’associazione “Così, per passione…!” , Ino Cardinale, ha messo in luce la doppia natura della mostra, religiosa ma soprattutto culturale, inaugurata non casualmente nel giorno della domenica gaudente proprio per trasmettere un messaggio di allegria in vista del Natale. Si potrebbe aggiungere anche una valenza sociale all’evento in quanto i circa 78 partecipanti volontari hanno contribuito con il loro impegno a creare un’occasione di armonia per la collettività.

Lascia un commento: