Home Eventi Le giornate del Carnevale di Cinisi 2016

Le giornate del Carnevale di Cinisi 2016

Tre giornate consecutive per la festa di Carnevale. Rinnovo dello spirito goliardico di un mondo che si muove all’unisono. Potrebbe essere questa la spinta che ha portato i visitatori lungo corso Umberto I°.

Domenica 7 febbraio l’apertura delle sfilate, coi rintocchi dei tamburini di Aspra, ha visto l’inizio del Carnevale con l’arrivo del “Nannu”. Subito dopo è stato protagonista l’Istituto Comprensivo di Cinisi. Nonostante l’edizione senza carri allegorici, Cinisi è stata meta domenicale di qualche migliaio di persone. Il vento ha battuto la strada principale praticamente per tutto il pomeriggio. Non ha però  impedito l’esibizione dei bambini, attesa come sempre, così come quella delle macchiette, che hanno portato una varietà di costumi sul palco: dai temi della carnascialata ai personaggi dei cattivi del mondo Disney, da una “Classe ri primu pilu” con alunni più grandicelli del solito, al gruppo (che ha seguito il tema della scuola anche con una bella costruzione di cartapesta) di Cicik e Ciciok, dai cugini beat ai danzatori impegnati in una complessa esibizione di gruppo, financo per le più famose bambole del mondo.

La serata di domenica si è conclusa con un monologo del famoso comico panormita Sasà Salvaggio.

Lunedì 8 il pomeriggio è iniziato in modo inusuale. Lungo il Corso hanno sfilato gli invitati di un matrimonio particolare, a partire dal taglio anni settanta dei loro abiti per finire alla celebrazione dello stesso, tra due novelli sposi, anch’essi molto particolari.

Si sono alternati sul palco gli allievi di due scuole di danza, la “Promenade” e la “Universal Dance”, prima dell’esibizione del complesso “Luna Rossa”. L’intermezzo della sfilata dei cavalieri storici ha visto applauditi diversi cavalieri e cavalli, con molti spettatori amanti del genere. In serata l’atmosfera è diventata più familiare intorno ad una grigliata per tutti i presenti.

Martedì, giornata conclusiva, le condizioni meteorologiche, con un vento fastidioso che soffiava a tratti forte, hanno portato disturbi al pubblico sia prima che dopo la sfilata. E’ stata come di consueto la giornata dei ringraziamenti. Sul palco, oltre ai momenti di puro divertimento e canori, si sono esibiti timidamente anche i ragazzi gambiani ospitati attualmente all’interno dell’Opera Pia. I rappresentanti dell’amministrazione comunale e della Pro Loco hanno consegnato targhe in ricordo dell’edizione 2016 ai partecipanti e non solo. Dal palco il neo Assessore, così come il Dirigente Scolastico, hanno rinnovato la promessa di collaborazione per riportare i carri allegorici all’interno della sfilata, pur consci che non basterà la sola buona volontà, da loro espressa, ma anche quella di chi si è impegnato in occasione del Carnevale, consegnando alla scuola il loro lavoro.

La teatralizzazione del funerale ha chiuso il Carnevale, tra il rogo del Nannu e la musica degli Alter Ego.

Consentite il richiamo, amaro e ironico, al poeta e attore Gaspare Cucinella, che il destino ha deciso di portar via nel giorno dell’ultimo atto di una festa che vive sopratutto per lo spettacolo dei suoi interpreti.

Lascia un commento: