Home Attualità Passo concreto verso l’A.R.O. comune tra Cinisi e Terrasini

Passo concreto verso l’A.R.O. comune tra Cinisi e Terrasini

L’ultimo passaggio, che prevedeva una esplicita volontà politica, nella questione dei rifiuti era la decisione del consiglio comunale di Terrasini. 

La volontà di inseguire l’obiettivo di superare l’esperienza degli A.T.O., con tredici voti favorevoli e un astenuto, si è manifestata con l’approvazione della delibera della nuova convenzione e del piano industriale dell’A.R.O. tra i comuni di Terrasini e Cinisi, per l’organizzazione del servizio di spazzamento, della raccolta e del trasporto rifiuti.

Queste ultime sono tra le voci più onerose dell’attuale sistema di smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Si tratta di un tema delicato, quello economico. La nuova struttura dovrebbe garantire agli enti locali dei risparmi, in un primo periodo, per poi tentare di diminuire, con gli strumenti previsti dalla legge e dai regolamenti in merito, l’imposta al singolo contribuente.

Il piano industriale prevede una diminuzione dei costi del servizio di raccolta rifiuti dagli attuali 2.750.000 euro circa annui, oltre I.V.A., sino a circa 2.100.000 euro annui. Il risparmio previsto dovrebbe giugere alla cifra circa 4.500.000 euro per il periodo di attuazione del progetto A.R.O. (previsto per 7 anni).

L’altro aspetto interessante è quello sociale: la ditta che vincerà la gara d’appalto avrà l’obbligo di mantenere in servizio i dipendenti attualmente al lavoro per l’A.T.O. impegnati nel cantiere terrasinese.

Lascia un commento: