Home Attualità Ricordati di ricordare – Don Luigi Ciotti

Ricordati di ricordare – Don Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti è stato ospite della giornata di commemorazione tenutasi a Cinisi e intitolata “Ricordati di ricordare”. Il prete, fondatore e presidente di “Libera”, è salito sul palco a portare il suo messaggio.

Ha parlato di due mondi, che si scontrano ogni giorno: quello della criminalità organizzata e quello che vuole debellarla. Don Luigi parte dal piano della verità che chiama in gioco prima che la nostra intelligenza, la nostra coscienza. C’è molta strumentalizzazione, molta manipolazione, molta generalizzazione quando invece opporsi alla criminalità è un problema di responsabilità e di coscienza, non una carta d’identità che si tira fuori a seconda delle circostanze.

Servono esempi. Servono “chiarezza, trasparenza e verità, di fare meno parole e più fatti sopratutto evitare giochi. Serve riflettere e sopratutto devono farlo quelle realtà che devono interrogarsi sulla loro coerenza, sui loro percorsi nella lotta all’illegalità. La zona grigia tra legale e illegale deve scomparire. Bisogna fare di più. Il territorio è molto cambiato nel corso degli anni. Sono ricorrenze importanti per la memoria, per i bambini, per i ragazzi.

Prima di salire sul palco di Piazza Vittorio Emanuele Orlando, Don Luigi Ciotti è stato invitato a celebrare in omaggio a un’altra vittima, il piccolo Claudio, nella chiesa della parrocchia che lo ha visto chierichetto. L’esercizio della memoria ha valore se c’è un percorso, un prima, un durante e un dopo. Se c’è un percorso che aiuta i giovani a conoscere, “a sentire in profondità”. E’ necessario che ogni attività non sia solo celebrazione.

E ancora sui ragazzi e i loro insegnanti che si prodigano per aiutarli a prenderne coscienza, “a non dimenticare che la memoria è un dovere”, via maestra del cambiamento. Tante piazze si riempono e c’è partecipazione. “Tanta gente che chiede attenzione”.

Lascia un commento: