Home Cultura Maria Antonietta Sansalone presenta il libro di poesie “Sole dentro”

Maria Antonietta Sansalone presenta il libro di poesie “Sole dentro”

CONDIVIDI

Presentato presso il Teatro Gianì in Via Bellini 3 a Partinico il libro (silloge di poesie) di Maria Antonietta Sansalone “Sole dentro”.

Sono intervenuti il prefatore Gino Adamo (poeta, scrittore e Presidente dell’ANMIL di Trapani), il postfatore Luigi Lombardo (Segretario Regionale SIAP Sicilia), l’editore Nino Barone (poeta e scrittore), la pittrice Evelin Costa, la poetessa Maria Antonietta Sansalone.

L’incontro è stato moderato dalla prof. Cenzina Oliveri

Lettrice: Marisa Palermo

Intermezzi musicali del TRIO MUSIC IN THE NIGHT

“Il creato, il cielo, le schiumose onde… si fanno culla di speranza e muti testimoni, mentre una leggera e a volte frenetica danza di voci diluisce il sé in fiumi d’immagini dai vividi colori o trascina nella sua piena rovinosa.”

in copertina, un dipinto di Evelin Costa

Maria Antonietta Sansalone è nata a Partinico e vive a Trappeto, in provincia di Palermo. Docente, pedagogista abilitata in psicologia, storia e filosofia e specializzata in E-learning, ha operato per un decennio come supervisore e formatrice presso la Facoltà di Scienze della Formazione di Palermo. Ha progettato e coordinato progetti europei di carattere sociale e pubblicato scritti di saggistica.

In questi ultimi anni ha ottenuto importanti e numerosi riconoscimenti in molti Concorsi Nazionali ed Internazionali di Poesia.

Gli scritti di questa sua prima silloge poetica, “Sole dentro”, si avviluppano attorno a temi cardine, in un continuo relazionarsi con la natura, l’amore, gli accadimenti sociali vissuti da lei, quale attenta ed empatica osservatrice del suo tempo.

In questa raccolta le sue diverse poesie riecheggiano riflessioni introspettive che si accompagnano a percorsi di rinascita, rendono tangibile il sapore del quotidiano, inneggiano all’amore in tutte le sue sfumature e ad accenni di sensualità, rievocano, ancora, grida d’angoscia, dichiarate fragilità, tracce di mistero affidate al vento, voci zittite sul nascere, canti di capinere ingabbiate alle quali viene negato il rosseggiare dei tramonti.

Lascia un commento:

Ancora nessun commento. Commenta per primo!

wpDiscuz