Home Cartavetrata Il mandante occulto

Il mandante occulto

Chi c’è dietro la stampa locale? È  il rompicapo degli inquirenti che stanno in queste ore passando al setaccio i conti del blog Cinisi Online, per capire da dove arriva il denaro che transita nelle casse della frutta del mercato ortofrutticolo, che viene prelevato tutte le mattine unitamente  alla spazzatura posta proprio all’imbocco dell’autostrada.

Ma è proprio in quel punto che l’odore dei soldi si fa più intenso e prende la scia delle “quattro vanelle”, corre in discesa e prosegue verso la via Del Mare, inciampa sui tombini che escono dal piano di appoggio dei marciapiedi. L’odore si ferma, fa le foto, contatta il suo avvocato che chiede i danni al Comune, vince la causa e prosegue per la spiaggia, si siede sulle panchine riciclate. Sono scomode ed  esteticamente discutibili,  ma l’odore è dei verdi quindi non si lamenta, anzi si fa una foto con il banano potato dal grande assessore Nicchi. Fuma una sigaretta offertagli dal Sindaco non in carica, si fa un bagno dopo aver letto l’ordinanza del Sindaco in carica e scompare all’orizzonte sciorinando la sua essenza che dà la felicità.

In questo istante è concentrato il Nucleo Anti Evasione Fiscale della Guardia di Finanza sezione “Finanziamenti occulti alla stampa locale”, con l’aggravante del “Lavoro nero e sfruttamento di suolo pubblico abusivo in occasione di Notti c.d. Bianche, con velature mattutine”.

Certo se si dovesse accertare che Cinisi Online, fosse finanziato in maniera fraudolenta, eludendo il fisco, sarebbe una cosa gravissima. Tra l’altro ad insaputa degli stessi finanziati. Che è cosa ben più grave, costituendo di fatto la prova provata che i soldi partono ma non si sa dove vanno a finire.  L’ipotesi più accreditata in questo momento è che vengano investiti in distillati, in quanto si attende l’introduzione di un dazio sulle sparate di bassissima legatura. A questo punto la patata bollente è in mano a Vera Abbate,  che non è l’ispettore di squadra antimafia, bensì il Consigliere che è stato investito del compito di appurare la traccia del denaro, requisire il contante e possibilmente devolvere tutto alle vittime dei blog con tre accessi all’anno.

È caccia senza tregua ai fondi neri elargiti,  non si sa da chi,  al blog più abusivo della rete.

Se scopro che a mia insaputa, qualcuno finanzia in nero il blog…

1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Bentall66
22 Agosto 2014 17:06

Si può sapere che cosa è successo? Forse è il solito sistema di autofinanziamento controllato, che non si può fare. Autofinanziarsi è illegale (Gaetano mettere le mani nelle tue tasche non si può) lasci pensare ed immaginare illeciti vari, si può riprodurre per durata, un kolossal cinematografico. L’informazione uccide l’informazione. Si può sapere qual’è la vera informazione?