Home Attualità Arrivano le bollette della TARI: caos all’ufficio tributi

Arrivano le bollette della TARI: caos all’ufficio tributi

Cinisi 30 gennaio 2015. È caos all’ufficio tributi per il pagamento della TARI. Lamentele e rimostranze per l’eccesivo carico fiscale e le modalità di pagamento.

Caos e lunga attesa, è lo scenario che ormai da qualche giorno si presenta presso l’Ufficio Tributi del Comune di Cinisi, unica la motivazione: pagamento TARI.

L’attesa è quella tipica degli uffici siciliani, una fila scomposta e agitata in continuo chiacchiericcio attende e spera di conoscere quale sarà il suo destino prima che l’ufficio chiuda. C’è chi confida in un errore nel calcolo della tariffa, chi vorrebbe chiedere una rateizzazione del pagamento, chi non capisce proprio il perché. C’è la casalinga, il professionista, il pensionato, l’insegnate, c’è una lista di attesa di più di cento cittadini.

Le strade di Cinisi lo scorso settembre:
[easymedia-fotorama med=”5424″]

Il Comune di Cinisi ha recapitato solo pochi giorni fa il bollettino di pagamento TARI 2014 da saldare entro il 31 gennaio 2015. Per chi si fosse perso nel mare magnum delle sigle fiscali, la T.A.R.I. è la tassa sui rifiuti, cioè la componente relativa al servizio rifiuti dell’Imposta Unica Comunale (IUC) ed è destinata a finanziare integralmente i costi del servizio di raccolta dei rifiuti a carico dell’utente.

Proviamo ad essere più chiari: ciascuno di noi entro il 31 gennaio 2015 dovrà pagare una tassa che copre interamente i costi di raccolta dell’immondizia  prodotta. Ciò vuol dire che il presupposto della tassa elevata è l’elevata produzione dei rifiuti.

Stando così le cose ciascuno di noi dovrebbe battersi il petto e recitare il mea culpa. Ma andando al “dietro del dietro” delle cose scopriamo che non è proprio così. Poche domande ma lecite. Come si calcola quanti rifiuti produce ciascuna utenza domestica? O più chiaramente, come si fa a calcolare quanta immondizia produce in un anno Mario Rossi che vive a Cinisi, ha una moglie, un figlio e una casa di 140 mq?

Ci vengono in aiuto le tariffe emesse dal nostro comune. Per cui il Sign. Rossi, che ha un nucleo familiare di tre componenti, per calcolare la tassa sui rifiuti e di conseguenza la quantità dei rifiuti prodotti, dovrà moltiplicare la quota fissa € 1,02 per i mq della sua abitazione (140 mq) e sommare per la quota variabile € 330,67 così pagherà 473,47 € di TASI (all’importo va aggiunto: l’addizionale provinciale TEFA, le spese di spedizione dell’avviso e l’eventuale arrotondamento).

Ma visto che siamo sempre curiosi, ci facciamo un’altra semplice domanda: quanto paga il Sign. Mario Rossi che vive a Milano, ha una moglie, un figlio e una casa di 140 mq? Anche per questa risposta ci vengono in aiuto le tariffe emesse dal comune di Milano. Stesso metodo: quota fissa € 1, 92816 per i mq dell’abitazione (140 mq) più la quota variabile € 112,36375, uguale 382,306 €.

Stesso metodo, differente risultato.

In base a queste tariffe a Milano, con un servizio eccellente (rispetto al nostro),  raccolta differenziata, strade pulite il Sign. Rossi pagherebbe esattamente 120,00 € in meno del Sign. Rossi che vive a Cinisi e riceve un servizio scadente, a tratti inesistente.

Ecco perché tutti da giorni, l’Ufficio riceve solo due giorni a settimana dalle 11:00 alle 13:00 e solo il mercoledì pomeriggio, fanno la fila in attesa di risposte e sperando nel mea culpa di chi ha votato aliquote al massimo. Ma non arriva nessuno che si batte il petto, arrivano solo bollettini di pagamento in un’unica soluzione a ridosso della data di scadenza.

L’ennesimo salasso per le tasche dei cittadini che entro domani dovranno pagare a peso d’oro la loro immondizia che è stata raccolta a giorni alterni, non è stata raccolta ed è stata convogliata in discariche a cielo aperto, o ha fatto da combustibile per notturne vampate di San Giuseppe.

Ma siamo sicuri che, rimpinguate le casse comunali e pagato per intero il servizio di raccolta dei rifiuti prodotti, il comune tornerà pulito e il servizio sarà eccellente?

1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
patrizia
31 Gennaio 2015 1:08

Buona sera…volevo chiedere come mai ,visto che questa tassa si paga in base quanta spazzatura si produce in una famiglia,io pago anche quella di un garage di 20mq dove nessuno produce spazzatura?
Ops forse le mosche a mia insaputa mettono il sacchetto fuori
Scusate il sarcasmo ma è un furto