Home Blog Le responsabilità non sono della terra, ma degli uomini che ci vivono

Le responsabilità non sono della terra, ma degli uomini che ci vivono

Fino a quando passerà il messaggio che essere onesti non paga, e che la collusione, il favore, il silenzio e l’indifferenza siano la strada migliore da percorrere per andare avanti, allora altro che andare avanti! Non ci muoveremo di un passo, e la porta per un paese migliore, civile, giusto, sarà sempre chiusa.

Cinisi, maggio 2015. È di pochi giorni la notizia della mancata proroga per altri tre anni all’imprenditore Santi Palazzolo per lo spazio all’interno dell’aeroporto “Falcone e Borsellino”. Interviste su emittenti nazionali, sulle testate dei quotidiani, dichiarazioni di dissenso da parte della gente comune per l’azione presa dal c.d.a. Gesap, e infine solidarietà all’uomo che subisce la negazione di un diritto.

Ascoltando la storia di un’impresa che ha quasi cent’anni, le sue vicissitudini che in pochi mesi hanno rafforzato nell’opinione pubblica la certezza che la famiglia Palazzolo fa “cose buone”, un pensiero nasce naturale: la giustizia è solo degli uomini giusti? Il rifiuto del malaffare è ancora una dote? Santi è un eroe vittima del sistema?

Nella mattina del 16 maggio tanta era la gente che si è riunita all’ingresso “dell’area Palazzolo” per mostrare contrarietà a una scelta considerata ingiusta. Uomini e donne che fieri portavano un cartello al petto IO STO CON SANTI PALAZZOLO, orgogliosi di un uomo che nel giro di poco tempo ha scalato le classifiche nazionali dei cinisensi più menzionati. Qualcuno ha dato un senso al nome di questa aerostazione e al sacrificio di due giudici morti per mano della mafia più spietata.

Ma in questo marasma le istituzioni dormono o hanno altro a cui pensare. La politica è troppo impegnata a coniugare i verbi al futuro per dedicarsi agli imperativi: dire un “FAREMO” prende più applausi di un “FACCIAMO!”.

La paura di molti è che questo sia l’ennesimo sgambetto alla reputazione della Sicilia ma… “Smettiamola di dare la colpa alla nostra terra…” dichiara Santi Palazzolo in una delle tante interviste rilasciate in questi giorni. Questa è un’occasione per prendersi ognuno le proprie responsabilità e far vedere che questo posto è fatto di gente onesta, giusta e libera, e di gente sporca, codarda e inconcludente.

Che ciascuno da oggi scelga da che parte stare e che risponda a se stesso e alla propria coscienza senza martoriare la meravigliosa culla che lo avvolge.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments