Gli esponenti del movimento civico È Tempo di Cambiare non avevano ancora finito di dare l’ultima mano di grassello alle vasche, che le ruspe per i lavori di riqualificazione sono arrivate a vanificare l’impegno civico di alcuni cittadini e allevatori locali, interessati a ridare decoro al più frequentato e utilizzato dei bevai a valle.

Cinisi, 24 Giugno 2015. Meno di una settimana fa alcuni esponenti del movimento, insieme agli allevatori locali, avevano effettuato una bonifica del bevaio cosiddetto Macchina del Comune, antistante la pizzeria Abbeveratoio, ripulendo la zona circostante e rivestendo di grassello di calce, un materiale disinfettante, la vasca.

abbeveratoio-prima-dopo-giugno-2015
Il bevaio prima e dopo l’intervento dei volontari.

Da ieri, però, sono cominciati i lavori di restauro dell’Abbeveratorio, uno dei bevai di valle inserito nel progetto di riqualificazione finanziato dal GAL Golfo di Castellammare, che nella prima fase ha interessato i bevai di monte, cioè quelli del “Santuario del Furi”, dell’”Accitellla” e di “Piano Margi”.

L’intervento degli esponenti del movimento nasceva dalla volontà di restituire il giusto decoro a uno dei luoghi simbolo del comune di Cinisi, dove ogni giorno molti cittadini si recano per riempire le bottiglie e i bidoni di acqua potabile e dove alcuni allevatori accompagnano a bere nelle vasche i propri bovini.

Un lavoro vanificato, seppur degno di nota. Da parecchio tempo infatti la fontana da dove fuoriesce l’acqua, le vasche, nonché l’area circostante il bevaio versavano in condizioni di abbandono e degrado per la scarsa manutenzione.

La riqualificazione dei bevai del territorio è un argomento spinoso che ha scatenato non poche polemiche. Gli interventi effettuati sui bevai a monte, infatti, non hanno rispettato la valenza storica delle costruzioni, peraltro obbligatoria per manufatti protetti dalla Sovraintendenza per i Beni Culturali, senza che ad oggi, ancora, sia sia potuto risalire al reale responsabile di un intervento oggettivamente sbagliato (LEGGI QUI).

Anche stavolta, stando alle prime impressioni, la situazione non sembra cambiare: il basolato che ricopriva la vasca e la fontana è stato divelto e portato via, non si sa se per una fase di restauro o per l’eliminazione definitiva. 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments