Home Blog Lo spirito del Carnevale

Lo spirito del Carnevale

La cosa che preferisco di più del Carnevale è il “pre”. Quando sono ancora a casa, e sento già al Corso la musica in filodiffusione che interrompe il rumore del traffico. Quando, ancora a casa, inizio a sentire la gente in giro, per strada, che canta, i bambini che si rincorrono… Immaginare le maschere che vedrò in giro, i costumi.

Questo è il momento in cui riesco proprio a sentirne l’essenza.

Noi cinisari siamo abituati ad un Carnevale di un certo livello, sicuramente lontano da quello che abbiamo vissuto negli ultimi anni. Quello che invece è lampante, è che i cinisari il Carnevale lo vogliono (e lo pretendono!) a tutti i costi.

Tanti sono stati i gruppi mascherati e le macchiette che organizzandosi autonomamente hanno animato il Corso, portando un po’ di colore e allegria, insieme alle scuole (immancabili e la cui presenza è fondamentale). Una forte mancanza, invece, è stata quella dei carri, che furono i veri protagonisti del nostro Carnevale e una vera e propria attrazione turistica.

Nonostante la scarsa considerazione di questa tradizione da parte dell’Amministrazione, quello che è apparso evidente è che lo spirito carnevalesco scorre nelle vene di ogni cinisaro. Forse le nuove generazioni, quelle che non hanno vissuto con consapevolezza gli anni migliori del Carnevale cinisense, potranno anche accontentarsi di questo Carnevale approssimativo. Ma per i giovani e meno giovani è un dovere non lasciare che questa manifestazione vada incontro al decadimento.

Il Carnevale è sano divertimento, colore, condivisione, il Carnevale è di Cinisi… E’ Cinisi!

“C’è una forza motrice più forte del vapore, dell’elettricità e dell’energia atomica: la volontà” Albert Einstein