A primavera inoltrata Sindaco e Assessore del comune di Sciacca incontrano i carristi per preparare l’evento Carnevale. E Cinisi, che qualche anno fa celebrava per bocca del sindaco Salvatore Palazzolo il Carnevale più bello della Sicilia occidentale, che combina?

Il Sindaco del comune di Sciacca su Facebook annuncia: “Mercoledì prossimo  incontrerò i carristi di Sciacca e insieme a loro, uniti e determinati, stileremo le linee guida della nuova edizione del Carnevale 2017”.

Gli fa eco il messaggio inviato sui social dell’Assessore al Turismo, Salvatore Monte, sulla pagina ufficiale del Carnevale di Sciacca: “Ho acceso nuovamente i motori per allestire la nuova edizione del Carnevale di Sciacca. Lo dico a chiare lettere: il programma uscirà a settembre, replicheremo il doppio fine settimana, non entreremo nel periodo quaresimale, sconvolgeremo le modalità di valutazione dei carri, non ci soffermeremo sulle critiche futili, non ne abbiamo il tempo”.

Mentre a Cinisi Sindaco e Assessori sono impegnati a scovare chi abbandona spazzatura per strada e sistemare aiuole dal degrado urbano, Sciacca progetta il futuro della sua manifestazione principe. Anche Cinisi come Sciacca aveva una sola manifestazione da curare, ma ci si è tristemente ridotti a festeggiare la spiaggia pulita o la pianta innaffiata la mattina.

Siamo tagliati fuori dal circolo virtuoso del Carnevale, poiché i nostri carristi sono stati abbandonati a se stessi, privati da quel minimo che rappresentavano i “cappannoni” del mai nato mercato ortofrutticolo. Sciacca prepara un progetto che sarà finanziato da diversi enti pubblici, Cinisi che non ha più un Carnevale fatto di carri in cartapesta. Si accontenterà della buona volontà di alcuni gruppi che non si rassegnano ad un recente passato fatto di carta e colla.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments