Home Foto “Art and Ground”, un originale mix tra archeologia e musica

“Art and Ground”, un originale mix tra archeologia e musica

Art and Ground è un progetto portato avanti da giovani e preparate realtà siciliane che sono riuscite a promuovere, in modo alternativo ed interessante, le catacombe paleocristiane di Porta d’Ossuna a Palermo: è un progetto che merita di essere raccontato e soprattutto vissuto.

Cinisi, 14 novembre 2016. ArcheOfficina Società Cooperativa Archeologica, in collaborazione con la casa discografica palermitana Indigo, ha ideato e realizzato l’intero progetto che, a mio avviso, può essere preso quale perfetto esempio per un nuovo modo per fare arte e cultura.

La rassegna Art and Ground nasce dalla sinergia di competenze che insieme fanno la differenza e che trovano l’apice nella realizzazione di una visita/concerto originale e suggestiva.

Un sito archeologico che si trasforma in palcoscenico, che si fa teatro, che ospita emozioni e racconti alla luce di tante candele.

È stato un venerdì sera diverso, affascinante e, a tratti, magico. Si inizia nel vestibolo settecentesco, dove prima della visita viene offerto un buon bicchiere di vino per poi partire alla scoperta delle gallerie sotterrane delle catacombe. Un’interessante passeggiata, guidata dall’archeologa della cooperativa, che con passione e competenza aziona con i suoi racconti una sorta di macchina del tempo, capace di riportarci alla scoperta di una Palermo lontana nei secoli con i suoi usi e rituali.

Quei cubiculi, un tempo destinati al silenzio del riposo eterno, vengono poi invasi dalla musica: le note, suonate da una giovanissima cantautrice palermitana, si espandono e riempiono tutto, lasciandoci incantati per tutto il tempo del concerto, quasi rapiti da questa alchimia di poesia, luci ed atmosfera.

Un mix tutto da scoprire che mi ha personalmente emozionato.

Sono queste le realtà che riescono a fare la differenza, grazie alla creatività ed alla passione per l’arte in ogni sua forma, riuscendo ad immaginare nuove forme di fruizione di beni dal grande valore storico ed artistico, che troppo spesso restano chiusi o sconosciuti ai più.

I prossimi appuntamenti sono in programma giovedì 8 e 29 dicembre.

Lascia un commento: