Home Cultura “Corto Corto Mon Amour” chiude la settimana della cultura cinisense

“Corto Corto Mon Amour” chiude la settimana della cultura cinisense

La cornice dell’evento è il suo luogo d’elezione, quella del Cine Alba della famiglia Leone.

corto_corto_mon_amour_2016_dento_la_sala

Qui il “Corto Corto Mon Amour” ha messo in mostra i lavori che sono giunti in tanti, circa trecento, da diverse nazioni, confermando il respiro internazionale del concorso, giunto alla nona edizione.

Dodici i cortometraggi proiettati in sala, durante la serata finale. Soddisfatto l’ideatore e direttore artistico, Vincenzo Cusumano. Il livello dell’evento 2016 è stato alto, in generale e superiore rispetto alla precedente edizione. L’interesse che suscita all’estero la partecipazione al concorso è rivelato dall’attenzione che i produttori hanno avuto nel portare lavori che hanno meritato l’attenzione del pubblico, purtroppo non numeroso in sala come quest’edizione avrebbe meritato.

Lavori intensi e d’effetto. Il Cinema è cultura e l’auspicio per il futuro di un evento affermato è di essere traino per chi si cimenterà in quest’arte come espressione del territorio ma anche per il futuro dell’evento stesso, che andrebbe maggiormente valorizzato.

particolare della locandina dell’evento
particolare della locandina dell’evento

La presentatrice della serata, Giada Lo Porto, introducendo il pubblico, svela la motivazione della copertina dell’evento. Nove ragazze che indossano un velo nero, le mani vincolate da manette, con solo i loro splendidi sguardi alla vista, rappresentano un invito a liberare la mente.

La giuria è stata di livello, tenendo in particolare considerazione il lavoro dietro le sceneggiature. I premi assegnati: premio “Cine Alba” a “Salifornia” di Andrea Beluto; premio “Miglior Idea Creativa” a “Counsellor” di Venetia Taylor; menzione speciale a “The trainer” di Carlo Comito; una seconda menzione speciale a “Il vizio” di Tommaso Del Signore; una terza menzione speciale a “Waiting for Harry” di Antonio Benedetto; una quarta menzione speciale a “Cuerdas” di Pedro Solis Garcia (un tema delicato che ha avuto l’attenzione dell’associazione “Alba” di Terrasini, in sala). Il premio alla miglior sceneggiatura per “Nur” di Andrea Brusa e Marco Scotuzzi. Infine il premio per il miglior cortometraggio a “Risky game” di Stefan Flepp.

La chiusura è stata il momento dell’atto finale della “Settimana della cultura”, in cui il “Corto Corto Mon Amour” era in cartellone, spiccando. I ringraziamenti e i saluti oltre che dal direttore artistico Cusumano sono stati portati anche dal Sindaco, dall’Assessore alla Cultura, Rosalba Pizzo, e dalla direttrice della biblioteca, Maria Antonietta Mangiapane.

L’Assessore ha tracciato un bilancio positivo per tutto il cartellone, ringraziando le associazioni e l’Istituto comprensivo parecipanti, senza dimenticare gli aspetti su cui lavorare per una futura edizione. Il buon risultato dev’essere un incentivo a continuare su questa strada.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments