Home Il bello attorno Hygge: la felicità è la somma di piccole cose

Hygge: la felicità è la somma di piccole cose

Avete mai sentito la parola hygge? (si pronuncia più o meno “ügghe”)
Difficile da spiegare sinteticamente il senso di questa breve parola, che racchiude in sé, la formula della felicità danese.

Nel rapporto mondiale sulla felicità del 2016 curato dal Sustainable Development Solutions Network (Sdsn), organismo dell’Onu, troviamo la Danimarca al primo posto (l’Italia al 50° posto).

Questo non è un caso, per la terza volta di fila infatti la Danimarca risulta prima nella classifica, a quanto pare proprio grazie al fattore “hygge”.

Dopo essermi documentata, ecco a voi il segreto della felicità svelato! ci riporta al senso della buona vita, del costruire intorno a noi un ambiente accogliente, intimo, positivo dove la tecnologia lascia spazio all’umanità, alla socializzazione, al prendersi cura di noi e delle persone che amiamo.

Ritagliarsi momenti per sé, concedersi una lettura comodi sul divano ed una tazza della nostra tisana preferita oppure rilassarci sulle note della musica che amiamo, chiaccherare con gli amici avendo un buon bicchiere di vino, questi sono momenti hygge.

Hygge è “quel senso di calore che provi da bambino e poi riconosci come casa, come famiglia

Alcune parole chiave di questo stile di vita sono armonia, comodità, familiarità, confort, sicurezza, accoglienza e soprattutto la consapevolezza di rendere speciale ogni momento ed ogni luogo, in particolare la nostra casa. Assaporare i piaceri della vita circondati dalle persone care, sentendosi appagati.

Già Goethe ci suggeriva, ispirandosi alla saggezza della civiltà dell’antica Grecia, di concentrarsi sul momento presente ed i danesi, pur non avendo scoperto nulla di particolarmente nuovo, sono riusciti a farne uno stile di vita ed un modello educativo.

Ovviamente non basta accendere una candela e bere litri di cioccolata calda, questo è solo l’aspetto più superficiale di un concetto più complesso e profondo che molte prestigiose università americane e del Regno Unito stanno studiando.

Hygge è la ricerca ed il raggiungimento quotidiano di dosi di felicità, di esperienze positive.

Come si riesce? Rimanendo presenti a sé stessi e vivendo ogni momento in modo partecipe, traendo il meglio da ogni attimo, condividendo e lasciando i sentimenti negativi fuori dalla porta.

Facile a dirsi, molto difficile da realizzarsi nelle nostre frenetiche giornate dove le parole più frequenti sono ‘stress’ e ‘non ho tempo’.

Vale la pena allora fermarsi un attimo ed analizzare dove sta andando la nostra società e cosa rappresenta per noi la felicità. Non sarò io a fare questo studio sociale ed antropologico troppo difficile, ma ognuno di noi, alla fine di questa lettura, potrebbe prendersi dei momenti di riflessione e continuare a cercare le proprie risposte.

Il mio obiettivo è quello di farvi conoscere un punto di vista differente e di facile applicazione soprattutto per noi siciliani che “hygge” lo siamo un po’ nel dna.

Vi invito ad un esperimento per un paio di giorni, mettendo in pratica alcuni dei consigli “hygge style” con la speranza di riuscire come i danesi a sorridere di più apprezzando le cose semplici.

1) CONFORT: Fai della tua casa e della tua famiglia il rifugio dal mondo esterno, il tuo luogo sicuro dove togliere ogni maschera. Crea un’atmosfera piacevole e rilassante intorno a te. Accendi qualche candela e spegni la tv. Mettiti a tuo agio e pensa che la tua casa è sacra ed i problemi possono essere lasciati fuori.

2)  PRESENTE: Assapora il presente. Io sono qui ed ora e riesco a spegnere il cellulare!!! Godi del momento, dello stare insieme, del buon cibo, di un paesaggio, di ciò che ti circonda.

3) CONDIVISIONE: Raccontarsi com’è andata la giornata, creando momenti di dialogo e di reale interesse verso l’altro, raccontarsi storie di famiglia o personali per ricordare momenti positivi e mantenere viva la memoria. Gioca, ottimo modo per vivere il momento e condividerlo, divertendosi insieme. Si alle carte, ai giochi da tavola, allo sport.

4) ARMONIA: Non cercare di prevaricare, non essere negativo, non sentirti in concorrenza con nessuno ma sii parte della tua squadra. Dimentica le discussioni, le controversie e concentrati su discussioni allegre e spensierate.

Ed io mi permetto di aggiungere Ridi più che puoi!

Lascia un commento: